105 – Comunicazione della D.S. – Indirizzi generali per l’ampliamento delle attività in presenza

image_pdfimage_print

L.S.S. J.F. Kennedy

LICEO SCIENTIFICO STATALE
“JOHN FITZGERALD KENNEDY”
Via Nicola Fabrizi n. 7 – 00153 ROMA – Distretto IX

Circolare n. 105 – A.S. 2020-2021 del giorno 23/04/2021
Oggetto: Comunicazione della D.S. – Indirizzi generali per l’ampliamento delle attività in presenza

Destinatari: Famiglie, Studenti, Docenti, Segreteria, Personale ATA, DSGA

Cari studenti, cari genitori, caro personale tutto della scuola,

come sapete, è stato pubblicato il nuovo decreto relativo alle indicazioni della situazione pandemica. Inoltre, ieri è stata la giornata mondiale della Terra mentre l’altro ieri è stato il c.d. Natale di Roma.

Un contemporaneo focus sul nostro meraviglioso passato e sull’eredità che ci è stata lasciata, quindi, e la richiesta di maggiore consapevolezza sul nostro futuro, sul vostro futuro. 

Stiamo vivendo un momento di grande cambiamento, di transizione, e la situazione pandemica ha profondamente modificato le nostre abitudini… Il recente decreto chiede una maggiore attività in presenza per le scuole secondarie di II grado ma, come ben sapete, i nostri spazi al chiuso non consentono una maggiore occupazione dell’edificio mantenendo le indicazioni sul distanziamento, se non ripensando alla stessa essenza della nostra scuola, una scuola da cui è partito il modello DADA (riconosciuto ora da circa cento scuole) e che vede, tra i suoi presupposti, il concetto di “edificio apprenditivo”.

Sentiamo una grande necessità di dare una risposta al disagio dei nostri ragazzi e alla difficoltà che tutti i docenti hanno vissuto (da professionisti attenti) nel creare una relazione mediata dai mezzi informatici. Relazione di affidamento e fiducia che è il presupposto di qualunque azione educativa. 

Sentiamo viva la necessità di incontrarvi e di incontrarci.

Nei limiti delle nostre possibilità, stiamo quindi allestendo aule all’aperto per potenziare la possibilità di effettuare momenti di didattica in piena sicurezza (ricorderete la bellissima esperienza dello scorso anno per gli Esami di Stato) e accogliamo con gioia, parallelamente, la positiva notizia della riapertura dei luoghi della cultura e della Bellezza nella nostra meravigliosa città che consentiranno a tutti i docenti di programmare – in luogo delle previste giornate in DAD – e di effettuare significativi momenti di educazione e soprattutto di relazione. 

Pertanto, dalla prossima settimana, i consigli di classe sono invitati a programmare (con le consuete modalità) almeno una “uscita didattica” ogni due settimane con finalità coerenti con la programmazione di classe e con i contenuti di Cittadinanza e Costituzione, mantenendo ovviamente le misure di sicurezza previste. Per le classi quinte saranno inoltre programmati momenti di simulazione e di approfondimento della prova orale, possibilmente all’aperto. 

Essere cittadini consapevoli di questa nostra meravigliosa città e guardare al futuro della nostra Madre Terra, due obiettivi trasversali che non possono non essere riconosciuti ed esperiti da tutti.

Vi lascio con le belle parole che pochi giorni fa sono state pubblicate da Massimo Recalcati: un appello a ricostituire e favorire in ogni modo la Relazione, primario focus della scuola e della missione che noi adulti abbiamo nei confronti dei più giovani.

A presto, davvero a presto.

È questo il tempo dove quello che più conta non può essere il raggiungimento dei cosiddetti obiettivi didattici ma il ristabilimento della natura aperta della Scuola, del suo essere comunità. Si tratta innanzitutto di coltivare nuovamente la fiducia nella relazione tra insegnanti e allievi. Non ha alcun senso bombardare di verifiche i nostri figli quando questo anno scolastico, come quello precedente, è stato ed è ancora appeso ad un filo, quando chiusura e riapertura si sono alternate seguendo necessariamente il ritmo imprevedibile e destabilizzante dell’epidemia. […] È un mio accorato appello che rivolgo a loro e ai dirigenti scolastici: subordinate, vi prego, il rispetto dei programmi alla cura della relazione perché la didattica senza relazione non può esistere
Massimo Recalcati

IL DIRIGENTE SCOLASTICO
f.to Prof.ssa Lidia Cangemi (*)

(*) Firma autografa sostituita a mezzo stampa
ex art. 3, comma 2, del D. Lgs. n. 39/1993